Budasol vuole aumentare di quasi sei volte la capacità produttiva di moduli off-grid personalizzati

Share

Budasol produce attualmente 1,5 milioni di piccoli moduli off-grid personalizzati all’anno, ma sta aumentando la sua capacità a oltre 10 milioni di pezzi nei prossimi anni, per far fronte all’aumento della domanda di mini pannelli per unità elettroniche stand-alone, particolarmente utili per l’automazione nel settore residenziale e il monitoraggio IoT. Per soddisfare la domanda, l’azienda sta investendo “diversi milioni di euro” in un nuovo stabilimento che sarà completato nell’ottobre 2024.

“Le condizioni attuali del mercato sono abbastanza buone per il momento. Le aziende solari più grandi si stanno fondendo e si stanno spremendo a vicenda. Ci sono sempre meno produttori. In futuro ci saranno solo poche grandi aziende e fornitori di nicchia. È più o meno quello che è successo nel mondo dell’elettronica o dei computer”, ha dichiarato Mathias Schillen, AD di Budasol, a pv magazine Italia durante Intersolar.

Schillen, che in passato ha lavorato per Schott Solar Germany e Suntech China, ricorda che anche il produttore cinese di pannelli ha ridotto gli investimenti nei segmenti di nicchia. Il produttore fotovoltaico tedesco/ungherese afferma di godere di un certo grado di libertà grazie alla sua indipendenza da regimi di sostegno o da investitori privati.

“Ci finanziamo attraverso le nostre vendite. Non dipendiamo dagli obiettivi degli azionisti. Possiamo concentrarci sui nostri prodotti di nicchia”, ha dichiarato Schillen, aggiungendo che Budasol attualmente copre la maggior parte di questo segmento di mercato. Abbiamo poi parlato di costi di produzione, tecnologia e proposta commerciale, anche in Italia.

pv magazine: Quali sono stati i maggiori ostacoli per la vostra azienda negli ultimi anni? È una questione di domanda o di costi di produzione?

Mathias Schillen: I maggiori ostacoli negli ultimi anni si sono presentati dal punto di vista dell’approvvigionamento, per garantire che la domanda, in crescita spropositata, fosse disponibile in tempo, in qualità e quantità sufficienti. Siamo sempre riusciti a farlo bene, anche nel difficile periodo della pandemia. Oggi, la sfida per i mini moduli solari riguarda più che altro la scalabilità delle quantità, la riduzione dei costi e la lavorazione delle materie prime disponibili per i moduli solari on-grid. In particolare, la disponibilità di celle solari che possano essere tagliate in piccoli pezzi per ottenere mini moduli solari di alta qualità è una sfida. Il contatto è un esempio di complessità.

Può spiegare perché la tecnologia è importante quando si tratta di efficienza in condizioni di scarsa illuminazione? Può spiegare il ruolo dei microcircuiti?

I mini moduli per l’elettronica autosufficiente vengono solitamente montati o integrati in un prodotto in luoghi in cui non è garantita una sufficiente illuminazione solare, ad esempio in direzione est-ovest, all’ombra o in inverno. Una buona prestazione in condizioni di scarsa illuminazione è quindi essenziale per un elevato livello di affidabilità funzionale del prodotto. Ed è qui che entra in gioco la tecnologia. Tagliare in piccoli pezzi le celle di grandi dimensioni dei moduli on-grid non è banale. I microcircuiti, soprattutto con le nuove tecnologie delle celle, rappresentano una sfida per la tecnologia dei materiali e dei processi. Le macchine di produzione standard non sono disponibili sul mercato. Ma anche in questo caso ci siamo specializzati e abbiamo sviluppato i nostri processi di lavorazione e di garanzia della qualità per la nostra produzione in serie.

Qual è il profilo dei vostri clienti?

Non serviamo un mercato di consumo. Siamo specializzati esclusivamente in prodotti specifici per il cliente, di qualità industriale e di lunga durata. Le esigenze dei clienti sono varie e sempre diverse. Ci sono progetti speciali specifici per il cliente in termini di costruzione, estetica, prestazioni garantite in condizioni di scarsa illuminazione, tasso di guasto mpp garantito, garanzie a lungo termine, solo per citarne alcuni. In altre parole, tutto ciò che non rientra nello standard solare. Disponiamo inoltre di un laboratorio di prova interno per tutti i test IEC, ISO e altri test di garanzia della qualità che vanno oltre gli standard abituali. Un punto di produzione e assistenza accessibile in Europa è apprezzato anche dai nostri clienti B2B.

In cosa si differenzia il vostro progetto rispetto a quello dei concorrenti?

In Europa ci sono molti cosiddetti produttori di mini moduli personalizzati. Ma tutti si riforniscono di prodotti intermedi come i laminati fotovoltaici in Asia e al massimo producono l’assemblaggio dei cavi o il controllo qualità, se non altro. La differenza con noi è che abbiamo l’intera catena di sviluppo e di valore in Europa, dalla lavorazione delle celle al modulo. Negli oltre 30 anni di esperienza nel settore solare, non sono a conoscenza di alcun produttore di serie di moduli solari in Europa per mini moduli da 1-30 Wp.

Qual è il vostro target in Italia? Come vedete in generale il mercato italiano?

Siamo un fornitore di componenti fotovoltaici per clienti B2B dell’industria elettronica indipendente. I loro sistemi elettronici vengono sviluppati, assemblati e venduti ai clienti finali a livello globale negli Stati Uniti, in Europa e anche in Italia. Quindi non guardiamo solo al mercato italiano, ma piuttosto ci rivolgiamo ai leader del mercato globale, indipendentemente dal Paese. Tuttavia, anche l’Italia ha alcune aziende innovative nel settore dell’elettronica con il solare.

Può spiegare velocemente la vostra tecnologia?

Oltre al tradizionale processo di laminazione, Budasol sta utilizzando sempre più spesso l’incapsulamento monolitico attraverso il potting in poliuretano, che consente di ottenere dimensioni più ridotte. La tecnologia poliuretanica dell’azienda ungherese supera tutti i requisiti critici IEC 61215 fino a dieci volte la soglia specificata dallo standard. È inoltre conforme agli standard di prova IEC 61701 (corrosione da nebbia salina) e IEC 60068 (variazione da shock termico), la sua temperatura di esercizio supera i requisiti dello standard ed è particolarmente resistente chimicamente a gas e liquidi. È stato testato per la resistenza ai raggi UV secondo lo standard automobilistico ISO 4892 (2.000 ore ad alta accelerazione UVA-UVB con umidità). Il fatto che questa tecnologia non sia nuova e che venga utilizzata sul campo da oltre 30 anni fornisce un’ulteriore rassicurazione. La durata dei pannelli è stata dimostrata molto lunga e Budasol è l’unico fornitore di mini-pannelli solari in grado di offrire una garanzia di rendimento europea di 10 anni.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

FER X transitorio, per ARERA è “necessario ridurre i contingenti”
25 Luglio 2024 L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha inviato al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) il parere sull...