La Spagna stanzia 794 milioni per sette progetti di cluster di idrogeno rinnovabile e tecnologie industriali

Share

Il governo spagnolo ha stanziato 794 milioni di euro in aiuti diretti ai sette progetti di cluster di idrogeno rinnovabile e di tecnologia industriale spagnoli dell’IPCEI Hy2Use, il secondo di quelli approvati da Bruxelles nell’ambito dell’impegno strategico dell’UE a potenziare la catena del valore industriale dell’idrogeno verde e rinnovabile, dalla R&S alla produzione e all’utilizzo.

I sette progetti IPCEI Hy2Use totalizzano 652,2 MW di nuova capacità elettrolitica solare, eolica e idroelettrica e, in termini economici, mobiliteranno risorse per 1.141 milioni nell’immediato e oltre 6.000 milioni di investimenti complessivi nel corso del loro ciclo di vita.

Ci sono cinque valli dell’idrogeno e due applicazioni industriali innovative, selezionate dalla Commissione europea, in Andalusia, Aragona, Asturie, Castiglia-La Mancia, Paesi Baschi e Regione di Murcia.

Cinque delle iniziative beneficiarie prevedono la costruzione di elettrolizzatori ad alta capacità – da 100 MW o più – in ambienti ad alta attività industriale, come porti e altri complessi industriali, costituendo cluster o valli integrate da localizzare in Andalusia, Asturie, Castilla-La Mancha, Paesi Baschi e Murcia. Fanno parte della linea IPCEI Hy2Use Technology Field 1, volta a promuovere l’idrogeno rinnovabile.

Le altre due proposte spagnole dell’IPCEI Hy2Use saranno impiegate in Aragona e prevedono l’avvio di due progetti per la generazione di idrogeno rinnovabile da utilizzare nella produzione di fertilizzanti e altri composti chimici. Fanno parte della linea Technology Field 2, che mira a facilitare la sostituzione tecnologica dei combustibili fossili nei settori industriali.

Cinque valli dell’idrogeno rinnovabile

I cinque progetti legati allo sviluppo di valli o cluster sostenuti in questo Regio Decreto integrano la produzione su larga scala di idrogeno rinnovabile con la sua trasformazione e il suo consumo in poli industriali situati nelle vicinanze dell’impianto di elettrolisi, in attività intensive all’interno dei settori citati. Tutti questi progetti prevedono la fornitura diretta ai consumatori industriali vicini attraverso gli idroprodotti e, eventualmente, anche su strada.

Green H2 Los Barrios fornirà l’idrogeno rinnovabile generato alle acciaierie e agli impianti chimici situati vicino al sito di produzione. Il progetto è promosso da EDP.

EDP promuove anche Asturias H2 Valley, che fornirà l’idrogeno ottenuto per l’utilizzo nel cementificio e nell’acciaieria situati a circa 3 km di distanza, oltre che nel polo industriale di Avilés, tra gli altri.

Nel progetto Renewable Hydrogen per la produzione di ammoniaca e fertilizzanti verdi, a Puertollano (Ciudad Real), l’azienda locale di fertilizzanti sarà il principale consumatore dell’idrogeno ottenuto. Il progetto è promosso da Iberdrola.

Nell’elettrolizzatore di Bilbao Large Scale, l’elettrolizzatore si trova nello stesso sito del principale consumatore di idrogeno, la raffineria di Petronor a Muskiz, in Bizkaia. Per quanto riguarda la proposta dell’elettrolizzatore su larga scala di Cartagena, la maggior parte della produzione di idrogeno sarà utilizzata per l’autoconsumo nella raffineria di Cartagena. Repsol sta promuovendo entrambi i progetti.

Da parte loro, i due progetti che saranno realizzati in Aragona prevedono l’applicazione industriale diretta dell’idrogeno nel settore chimico: l’iniziativa Ver-Amonia, a Teruel, svilupperà un impianto di elettrolisi integrato da 25 MW, alimentato da fonti rinnovabili, che produrrà 15.000 tonnellate/anno di ammoniaca verde come composto per fertilizzanti. L’iniziativa è promossa da EDP.

Il progetto Green Hydrogen di Magallón (Saragozza) prevede l’installazione e la gestione di un elettrolizzatore da 7,2 MW con due diverse configurazioni da testare. L’elettrolizzatore sarà co-locato con un impianto fotovoltaico e un parco eolico e l’idrogeno prodotto sarà trasportato su camion. Endesa, attraverso la sua controllata Enel Green Power España, promuove il progetto.

Dopo il primo IPCEI approvato dalla Commissione Europea, Hy2Tech, incentrato sullo sviluppo di tecnologie associate all’idrogeno rinnovabile – che ha anche stanziato fondi per le aziende spagnole -, questo IPCEI Hy2Use per la decarbonizzazione dei processi industriali è stato sviluppato da 13 Stati membri: Austria, Belgio, Danimarca, Slovacchia, Spagna, Finlandia, Francia, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo e Svezia, a cui si è aggiunta la Norvegia nell’ambito dell’Associazione europea di libero scambio.

Oltre all’assegnazione di fondi alle due ondate IPCEI lanciate da Bruxelles, il MITECO, attraverso l’IDAE, ha finora deliberato sette bandi per sovvenzioni PRTR (nei programmi H2 Pioneers e H2 Value Chain) per la creazione di un ecosistema tecnologico e industriale dell’idrogeno verde. In totale, sono già stati impegnati oltre 1.330 milioni di euro per più di cinquanta progetti sviluppati in tutta la Spagna. La bozza delle basi normative per il bando di aiuto alla creazione di nuove valli o cluster dell’idrogeno, che sarà lanciato a breve, è stata presentata anche per l’audizione pubblica e l’informazione.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

MASE autorizza impianto Sorgenia di accumulo BESS da 25 MW in Puglia
22 Luglio 2024 Il Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha autorizzato, con decreto n. 55 del 18 luglio, la società Sorgenia Puglia S.p.A. alla...