A Falconara sorgeranno due comunità energetiche, al via i lavori per gli impianti fotovoltaici

Share

A Falconara, località marina in provincia di Ancona, sorgeranno due comunità energetiche, una per Palombina Vecchia e una per Castelferretti. A vincere la gara d’appalto, indetta dal comune di Falconara su proposta del sindaco Stefania Signorini, al fine di costruire gli impianti fotovoltaici, è stata la società Sistema X di Ancona. Il CEO Ing. Michele Massaccesi ha spiegato a pv magazine Italia i dettagli degli interventi.

“Abbiamo avviato i lavori dei due impianti fotovoltaici che serviranno per rendere autosufficienti le famiglie che aderiscono alla comunità energetica. Il primo, che sarà terminato entro il 15 settembre, è in costruzione sul tetto del Palasport Liuti, dove si gioca a volley e basket. Sulla copertura abbiamo già fatto la linea vita per la sicurezza, le scale accesso e abbiamo iniziato da qualche giorno a montare tutta la struttura in acciaio che sorreggerà i pannelli”. L’impianto del Palasport Liuti avrà unapotenza di circa 84 kW per un totale di 200 pannelli, a copertura della falda sud del tetto.

Gli impianti di Castelferretti e di Palombina afferiscono a 2 diverse cabine primarie, garantendo una competenza territoriale molto estesa che oltre a Falconara investe i comuni fino a Chiaravalle. Per limpianto delle Aldo Moro stiamo aspettando il rifacimento in legno del vecchio tetto su cui poseremo i pannelli. Concluderemo i lavori indicativamente entro la fine di settembre”. La potenza di questo impianto si aggirerà tra 100-120 kW.

“Abbiamo sviluppato un sistema ad hoc per la comunità energetica, ambito in cui abbiamo già notevole esperienza. Utilizzeremo un inverter completamente ingegnerizzato in Italia dal partner marchigiano Western Co, un sistema di controllo wireless che sarà presente in ogni abitazione con cui, grazie al controllo della differenza di fase, sarà possibile rilevare gli assorbimenti e quindi monitorare i consumi”.

L’Ing. Massaccesi ha spiegato a pv magazine Italia il modus operandi: “L’impianto è costruito a nostre spese e il Comune offre lo spazio sui tetti. Una volta che gli impianti saranno connessi in rete, daremo ai cittadini un contributo complessivo su base trimestrale attraverso bonifici. La partecipazione è gratuita e quindi estremamente vantaggiosa grazie ai risparmi in bolletta. Tutta la nostra centrale operativa sarà gestita in cloud con tecnologia blockchain che consentirà la notarizzazione dei dati”.

L’idea di creare il doppio bando per la creazione delle comunità energetica è stata della sindaca Stefania Signorini. “Questa iniziativa è stata fortemente caldeggiata dalla sindaca e il Comune è stato il grande protagonista, propulsore della transizione energetica che chiede un nuovo modello di produzione e consumo, a tutto vantaggio di ambiente e cittadini”, ha aggiunto il manager di Sistema X.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

Italia Solare nomina 27 referenti regionali a supporto dell’individuazione delle aree idonee
18 Luglio 2024 Italia Solare ha nominato 27 referenti regionali, presenti su 18 Regioni, per supportare i territori in particolare nell'individuazione delle aree ido...