L’Europa può ancora dire la sua sui mercati globali dell’idrogeno, dice Bureau Veritas

Share

Laurence Boisramé, direttrice globale per l’idrogeno di Bureau Veritas, afferma che l’Europa sta sviluppando una serie di misure che potrebbero aumentare il suo peso industriale e commerciale nel mercato globale dell’idrogeno.

Nonostante alcuni ritardi nella produzione, l’Europa sarebbe “ancora in corsa”. Boisramé ha spiegato che una chiara spinta politica sta portando a progressi significativi nell’Unione Europea e negli Stati Uniti. Ha citato misure europee come RePowerEU e il pacchetto Fit for 55, ma anche la definizione di “idrogeno pulito” e l’Inflation Reduction Act (IRA) negli Stati Uniti.

“Dopo l’annuncio dell’IRA, alcuni operatori hanno messo in dubbio la leadership industriale e commerciale dell’Europa. Le ultime iniziative, come H2Global e la più recente Banca Europea dell’Idrogeno, sono fondamentali per lo sviluppo della produzione e della commercializzazione dell’idrogeno verde e dei suoi derivati”, ha dichiarato Boisramé a pv magazine. “Dal punto di vista legale, la definizione [di origine non biologica] è un’altra pietra miliare. Nonostante si possa criticare il risultato, fornisce la visibilità attesa da tempo”.

La questione è se la definizione europea di idrogeno rinnovabile e derivati, riportata nell’atto delegato sui combustibili rinnovabili di origine non biologica (RFNBO), possa diventare un riferimento globale.

Boisramé ha affermato che la standardizzazione, la trasparenza, la chiarezza delle regole e delle definizioni sono essenziali per aumentare la fiducia nel settore energetico, a maggior ragione nel mercato dell’idrogeno.

“La fiducia arriverà con una reale trasparenza, in cui i progetti di produzione saranno valutati da terze parti indipendenti che ne garantiranno la conformità alle norme. È qui che entra in gioco la certificazione”, ha aggiunto, riferendosi a terze parti indipendenti come gli organismi di certificazione.

Il riconoscimento reciproco sarà necessario a livello globale per creare un mercato di base e consentire il commercio transfrontaliero. In alternativa, i Paesi, le aziende e le altre parti interessate devono allinearsi su regole standard a livello multinazionale.

“Questo è promosso da diverse organizzazioni mondiali come AIE, IRENA, IPHE e Hydrogen Council, solo per citarne alcune”, ha detto. “Ma per arrivare a un consenso globale ci vorrà tempo, almeno qualche anno”.

Ruolo della certificazione

Il ruolo della certificazione è quello di garantire la conformità a uno standard, che può essere uno standard globale, un regime normativo o uno schema volontario.

“Attualmente non esiste uno standard globale o uno schema di certificazione normativo che si applichi alla produzione di idrogeno in tutto il mondo”, ha dichiarato Boisramé. “Alcuni Paesi stanno sviluppando norme e schemi di certificazione applicabili alla produzione nazionale, soprattutto per garantire il sostegno pubblico”.

Bureau Veritas ha sviluppato uno schema di certificazione volontario per garantire che la produzione di idrogeno sia sicura, sostenibile e da fonti rinnovabili, con un’impronta di carbonio massima di 2 kg di CO2eq per chilogrammo di idrogeno.

“Questo schema di certificazione si rivolge agli impianti di produzione di tutto il mondo con un’unica metodologia applicabile a livello globale. Recentemente, la certificazione è stata estesa all’ammoniaca prodotta dalla conversione dell’idrogeno rinnovabile”, ha detto, spiegando che gli schemi dovrebbero accelerare le autorizzazioni e l’accettabilità, favorendo al contempo la bancabilità dei progetti.

Bureau Veritas sta inoltre effettuando audit e ispezioni dei fornitori per valutare le prestazioni e la resilienza della catena di approvvigionamento, riducendo i rischi legati ai progetti.

Boisramé ha sottolineato il continuo aumento del numero di progetti annunciati in diverse regioni, favorito dalle strategie governative e dai programmi di incentivi.

“Tuttavia, siamo lontani dal raggiungere un’industria matura, con molte cose da mettere in atto, come standard globali, stesse definizioni e regole come base per il commercio internazionale di idrogeno e derivati”, ha detto.

Boisramé ha anche sottolineato l’accelerazione del numero di progetti di produzione negli Stati Uniti e in Cina, nonostante i ritardi nella definizione degli incentivi a sostegno della domanda di idrogeno verde o decarbonizzato.

“Anche altri Paesi come Australia, India, Spagna e Regno Unito possono vedere un’accelerazione nel numero di progetti di produzione”, ha detto Boisramé. “In termini di infrastrutture di importazione, l’Europa è la più avanzata, soprattutto l’Europa nord-occidentale con hub di importazione (come Rotterdam, Amsterdam, Anversa e Amburgo) già impegnati in sviluppi concreti, accordi bilaterali, investimenti in terminali in evoluzione per anticipare lo scarico, lo stoccaggio e la movimentazione dell’idrogeno e dei derivati”.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.