Voto del Parlamento UE sulla legge sull’industria a zero emissioni suscita reazioni contrastanti

Share

Il Parlamento europeo ha adottato ieri una nuova legislazione volta a rafforzare il settore della produzione di tecnologie per le energie rinnovabili dell’Unione europea (UE).

Sebbene le principali lobby europee del solare, l’European Solar Manufacturing Council (ESMC) e SolarPower Europe, accolgano con favore la legge sull’industria net-zero, sono divise su una clausola relativa alla tecnologia non prodotta nell’UE utilizzata per i progetti in appalto.

Secondo la legge, dovrebbero essere stabilite limitazioni non specificate per gli appalti e le gare d’appalto di progetti che utilizzano tecnologie a zero emissioni provenienti da paesi extra-UE. L’obiettivo è quello di non “esacerbare” la dipendenza da altri Paesi per le tecnologie pulite, si legge nella legge.

Ma il direttore politico dell’associazione solare SolarPower Europe, con sede a Bruxelles, Dries Acke, avverte che questo requisito è una “bandiera rossa” per il settore solare e “per coloro che si impegnano per la sicurezza energetica e gli obiettivi climatici dell’UE”.

“Introduce criteri di pre-qualificazione sul contenuto locale, il che significa che le tecnologie parzialmente prodotte al di fuori dell’Europa non possono nemmeno partecipare alle aste pubbliche”, ha dichiarato. “Due cose possono essere vere: dobbiamo lavorare di più per sostenere la produzione solare europea e l’Europa deve far parte di una catena di approvvigionamento solare globalizzata per raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici”.

Acke ha affermato che l’inclusione di criteri diversi dal prezzo nelle aste “premia positivamente” le tecnologie sostenibili e prodotte localmente, ma dovrebbe essere “introdotta gradualmente”.

Il direttore politico di ESMC, con sede a Braunschweig, Žygimantas Vaičiūnas, ha dichiarato che la legge si allinea “perfettamente” con una lettera del settore precedentemente pubblicata e firmata da oltre 40 produttori e associazioni di moduli fotovoltaici europei.

La lettera, pubblicata il 16 novembre, incoraggia i politici a includere nella legge una clausola che stabilisca che non più della metà della tecnologia a zero emissioni di un progetto appaltato debba provenire da Paesi che non fanno parte dell’Accordo sugli appalti pubblici (GPA) dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC).

Circa 15 Paesi fanno parte dell’elenco GPA dell’OMC, ma la Cina, il principale produttore di moduli al mondo, non ne fa parte. Secondo Vaičiūnas, la clausola minore mira a ridurre le importazioni nell’UE di moduli prodotti in Cina.

Nel frattempo, i membri del Parlamento europeo hanno anche sostenuto la creazione dell’iniziativa “Net-Zero Industry Valleys” come parte della legge, che mira ad accelerare le approvazioni dei permessi delegando le valutazioni ambientali agli Stati membri.

Altre parti della legge prevedono la semplificazione di alcune restrizioni amministrative per accelerare le opportunità di produzione a zero emissioni e l’avvio dei progetti. Secondo la legge, gli impianti che producono meno di 1 GW all’anno dovrebbero ottenere i permessi entro sei mesi e i progetti che producono più di 1 GW all’anno dovrebbero ottenere i permessi entro nove mesi.

I progetti produttivi che producono una produzione annua superiore a 1 GW dovrebbero ottenere i permessi entro 12 mesi, mentre gli impianti che producono meno di 1 GW all’anno dovrebbero ottenere i permessi entro nove mesi.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.