L’angolo dell’idrogeno: Commissione europea lancia piattaforma per aumentare la trasparenza del mercato

Share

La Commissione europea ha avviato i lavori su un meccanismo pilota per la raccolta, l’elaborazione e l’accesso alle informazioni sulla domanda e l’offerta di idrogeno e derivati rinnovabili , al fine di stimolare il mercato locale dell’idrogeno. “Il nuovo meccanismo è stato creato nell’ambito del pacchetto sui gas e l’idrogeno decarbonizzati, recentemente adottato, e mira ad accelerare gli investimenti fornendo un quadro più chiaro della situazione di mercato sia dei distributori che dei fornitori e facilitando i contatti tra di essi. Sarà operativo per cinque anni e farà parte della Banca europea dell’idrogeno”, ha dichiarato la Commissione europea.

Germania, Austria e Italia hanno firmato una dichiarazione d’intenti congiunta (JDOI) per sviluppare il Corridoio SoutH2. “Il Corridoio SoutH2 svolgerà un ruolo importante, soprattutto per quanto riguarda la fornitura di idrogeno verde ai nostri Länder meridionali”, ha dichiarato il Ministro federale per gli Affari economici e l’Azione per il clima Robert Habeck, spiegando che il corridoio dovrebbe trasferire l’idrogeno dal Nord Africa ai centri di domanda di idrogeno in Italia, Austria e Germania. Il corridoio SoutH2 è già stato scelto come progetto di interesse comune (PCI).

Wärtsilä ha dichiarato di essersi unita a Gas and Heat e Rina per sviluppare una nave da bunkeraggio alimentata ad ammoniaca. “Nell’ambito di questo accordo, Gas and Heat svilupperà il design di base del sistema di movimentazione del carico, mentre Wärtsilä supporterà il progetto attraverso la progettazione di una soluzione propulsiva integrata ottimizzata in cui l’elemento centrale includerà la sua soluzione basata su motori a 4 tempi recentemente introdotta per il carburante ammoniaca”, ha dichiarato la società di classificazione italiana.

John Cockerill e la sua controllata John Cockerill Hydrogen hanno firmato impegni vincolanti con la società tecnologica SLB e con le istituzioni pubbliche di investimento SFPIM e Wallonie Entreprendre per un aumento di capitale di 230 milioni di euro (250,5 milioni di dollari). SLB agisce come investitore principale nel round di finanziamento di John Cockerill Hydrogen, il cui completamento è previsto per la fine di giugno 2024. “Questa raccolta di fondi è un passo importante per sostenere la strategia di John Cockerill Hydrogen, che comprende la realizzazione di gigafabbriche in località chiave. L’azienda sta investendo per espandere la propria presenza globale attraverso una strategia multi-locale, creando centri di produzione e assistenza per elettrolizzatori negli Stati Uniti, in India e negli Emirati Arabi Uniti. In collaborazione con i principali partner, si stanno valutando investimenti simili in Marocco e in Vietnam”, ha dichiarato il conglomerato belga.

Shell ha confermato, con un altro contratto, Ceres per la seconda fase della loro collaborazione per la progettazione di un modulo elettrolizzatore a ossidi solidi (SOEC), da utilizzare in applicazioni industriali su larga scala come carburanti sintetici, ammoniaca e acciaio verde. “Ceres collabora con Shell dal 2022 e ha portato alla realizzazione di un sistema SOEC da 1 MW presso la struttura di ricerca e sviluppo di Shell a Bangalore, in India. Sulla base di questo test, l’obiettivo di questo contratto è sviluppare un progetto di modulo pressurizzato che possa essere scalato a 100 megawatt e integrato negli impianti industriali per la produzione di carburanti sostenibili del futuro”, ha dichiarato l’azienda inglese.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.