GreenGo firma primo PPA con Sasol Italy su cinque impianti per un totale di 24,5 MW

Share

Sasol Italy ha formalizzato un accordo con GreenGo per la fornitura decennale di energia elettrica green per i suoi siti industriali italiani di Augusta (Siracusa), Sarroch (Cagliari) e Terranova (Lodi).

“Per GreenGo si tratta del primo corporate power purchase agreement (PPA), sottoscritto nell’ambito della road map volta a diventare un IPP (Independent Power Producer)”, ha scritto la società bolognese.

L’accordo pay-as-produced ha come oggetto la somministrazione da parte di GreenGo di energia elettrica proveniente da cinque impianti fotovoltaici in tre regioni italiane per una capacità complessiva di 24,5 MW. Nello specifico, GreenGo ha spiegato a pv magazine Italia che si tratta di un impianto nelle Marche di 5,3 MW, un impianto di 5,6 MW in Calabria e tre impianti in Sicilia per un totale di 13,6 MW.

“Nello stesso accordo, Sasol Italy provvederà al ritiro e alla gestione del bilanciamento dell’energia prodotta all’interno del proprio portfolio di acquisto per i siti italiani.

GreenGo prevede che gli impianti, attualmente in fase di realizzazione e costruzione, entreranno in esercizio commerciale nel primo semestre del 2025 e produrranno 45 GWh annui.

“L’accordo entrerà in vigore dall’entrata in esercizio commerciale degli impianti e prevede un sistema innovativo di pricing con una remunerazione del prezzo zonale con sconto dinamico, un floor price, anch’esso dinamico, in grado di garantire l’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici, e un cap price che permette a Sasol di proteggersi da eventuali shock di prezzi”, ha detto GreenGo.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.

Popular content

FER X transitorio, per ARERA è “necessario ridurre i contingenti”
25 Luglio 2024 L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha inviato al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) il parere sull...