La cinese Hunan Rich progetta una fabbrica di pannelli solari da 1 GW in Serbia

Share

La società Hunan Rich Photovoltaic Science and Technology e il Ministro delle Miniere e dell’Energia della Serbia, Dubravka Đedović Handanović, hanno firmato questa settimana un memorandum d’intesa per la costruzione di una fabbrica di pannelli solari e di un impianto solare nel Paese.

L’azienda cinese, con sede a Changsha, capitale della provincia cinese di Hunan, si è impegnata a sviluppare una fabbrica di pannelli solari da 1 GW a Paraćin, nella Serbia centrale, con un investimento di 30 milioni di euro in tre anni.

Hunan Rich investirà inoltre altri 280 milioni di euro per la costruzione di una centrale solare da 200 MW, ha dichiarato Đedović Handanović.

L’accordo è uno dei due che il ministro ha firmato la scorsa settimana con aziende energetiche cinesi. Un secondo accordo quadro con China Energy International Group prevede la costruzione di un impianto per la lavorazione del petrolio e dei suoi derivati a Smederevo, nella Serbia orientale, con un investimento di 2 miliardi di euro.

Insieme, i tre progetti dovrebbero sostenere l’occupazione diretta di 700 persone, tra cui 180 persone nella fabbrica di pannelli solari, e l’occupazione indiretta di altre 2.400 persone.

La Serbia, che alla fine dell’anno scorso disponeva di 137 MW di energia solare, ha annunciato i piani per la sua seconda asta per le energie rinnovabili a febbraio.

A gennaio, Đedović Handanović ha firmato un memorandum d’intesa con Shanghai Fengling Renewables per la costruzione di diversi progetti di energie rinnovabili in Serbia, tra cui 500 MW di energia solare. Il primo produttore di pannelli solari del Paese, Domi Eko Solar, ha acceso un impianto di produzione di moduli TOPCon da 150 MW verso la fine dello scorso anno.

I presenti contenuti sono tutelati da diritti d’autore e non possono essere riutilizzati. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@nullpv-magazine.com.